Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura OristanoCamera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Oristano

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito




Commercio

Menu contestuale

Vai su


Contenuti

Organismo di Controllo

Con riferimento al decreto di autorizzazione allo svolgimento dei controlli di cui all’art. 13 del D.Lgs. 61/2010 e al Decreto ministeriale 14 giugno 2012, si comunica che con il Decreto Ministeriale n. 12749 del 26.06.2015, che entrerà in vigore a partire dal 01 agosto 2015, le Camere di Commercio di Nuoro e Oristano, sono designate, congiuntamente, allo svolgimento dei controlli previsti all’art. 90 del Regolamento (UE) n. 1306/2013, e successive disposizioni applicative, nei confronti di tutti i soggetti che operano all’interno delle filiere delle denominazioni di origine ed indicazioni geografiche.

A partire dal 01 agosto, tutte le comunicazioni inerenti movimentazioni di cantina e richieste di certificazione per le denominazioni sotto riportate dovranno pertanto pervenire solo ed esclusivamente attraverso le seguenti modalità alla Camera di Commercio di Oristano:
Via PEC all’indirizzo: promozione@pec.or.camcom.it 
Via Email agli indirizzi: controllovini@or.camcom.it 
Via Fax 0783 2143401

  • DOC Arborea
  • DOC Campidano di Terralba
  • DOC Malvasia di Bosa
  • DOC Sardegna Semidano
  • DOC Vernaccia di Oristano
  • IGP Marmilla
  • IGP Planargia
  • IGP Tharros
  • IGP Valle del Tirso


A partire dal 01 agosto, tutte le comunicazioni inerenti movimentazioni di cantina e richieste di certificazione per le denominazioni sotto riportate dovranno pertanto pervenire solo ed esclusivamente attraverso le seguenti modalità alla Camera di Commercio di Nuoro:
Via PEC all’indirizzo: ambiente-agricoltura@nu.legalmail.camcom.it;
Via Email agli indirizzi: ivan.pinna@nu.camcom.it e francesca.chessa@nu.camcom.it;
Via Fax 0784 242545

  • DOC Moscato di Sorso Sennori
  • IGP Barbagia
  • IGP Nurra
  • IGP Ogliastra
  • IGP Provincia di Nuoro
  • IGP Romangia

Si precisa che la Struttura di Controllo potrà essere contattata per qualsiasi esigenza ai numeri 0784 242545 e 0783 2143253.

Sarà cura di questo ufficio trasmettere tutta la modulistica con cui effettuare le comunicazioni o le richieste di cui sopra, unitamente ai nuovi piani di controllo e ai prospetti tariffari, che verranno comunque pubblicati nei siti www.nu.camcom.it, www.or.camcom.it.



Adempimenti degli operatori verso l'Organismo di Controllo

Adempimenti degli operatori verso l'Organismo di Controllo
Numero Operatore Adempimenti
1 Viticoltore 1) Presentazione della dichiarazione di produzione (allegato 3 del Dm. 02/11/2010) mediante telefax posta ordinaria, posta elettronica in conformità a quanto previsto dall’art 8 comma 3 del Dm. 02/11/2010. Tale documento sarà disponibile anche telematicamente al momento del pieno avvio del SIAN
2 Centri intermediazione delle uve 1) Obbligo di notificarsi all’organismo di controllo

2) Invio delle copie dei documenti di trasporto relativi alle uve destinate alla D.O.
3 Vinificatore 1) Obbligo di notificarsi all’organismo di controllo

2) Invio di copia cartacea della dichiarazione di produzione (allegato 3 del Dm. 02/11/2010) mediante telefax posta ordinaria, posta elettronica (art 8 comma 3 del Dm. 02/11/2010). Tale documento sarà disponibile anche telematicamente al momento del pieno avvio del SIAN.

3) Comunicazione anche per via telematica tramite SIAN della denuncia di giacenza dei vini a D.O. e atti a D.O.

4) Comunicazione di qualsiasi pratica enologica o movimentazione di cantina ( riclassificazioni su vino atto a divenire; declassamenti su vino certificato; tagli su vino atto a divenire; assemblaggi su vino certificato, cambio di denominazione, perdite di carico) in grado di modificare i carichi;

5) Invio delle copie dei documenti di trasporto relativi alle uve destinate alla vinificazione per la rivendicazione della D.O;

6) Richiesta di certificazione per i vini atti a D.O.
4 Aziende operanti l'acquisto o la vendita di vini sfusi a D.O. e atti a D.O. 1) Obbligo di notificarsi all’organismo di controllo;

2) Comunicazione anche per via telematica della denuncia di giacenza dei vini a D.O. e atti a D.O;

3) Comunicare le copie dei documenti di trasporto relativi ai vini a D.O. e atti a D.O. commercializzati sfusi;

4) Comunicazione di qualsiasi pratica enologica o movimentazione di cantina (riclassificazioni su vino atto a divenire; declassamenti su vino certificato, tagli su vino atto a divenire, assemblaggi su vino certificato, cambi di denominazione, perdite di carico) in grado di modificare i carichi;

5) Richiesta di certificazione per i vini atti a D.O.
5 Imbottigliatore 

1) Obbligo di notificarsi all’organismo di controllo.

2) Invio delle copie dei documenti di trasporto relativi ai vini a D.O. commercializzati sfusi;

3) Comunicazione di qualsiasi pratica enologica o movimentazione di cantina (cambi di denominazione su vino atto a divenire o su vino certificato, tagli su vino atto a divenire; assemblaggi su vino certificato) in grado di modificare i carichi;

4) Richiesta di certificazione per i vini atti a D.O.;

5) Comunicazione della data di inizio e termine delle operazioni di imbottigliamento nonché del relativo numero del lotto della partita imbottigliata, utilizzando il modello di cui all’allegato 6 del  D.m. 02/11/2010. N.B. le perdite di imbottigliamento e numero del lotto possono essere comunicati entro 7 giorni dalla data di inizio delle operazioni.

Azione ispettiva a campione

In aggiunta ai controlli sopra descritti è prevista un’azione ispettiva da svolgersi presso un campione di aziende, estratto casualmente, rappresentativo di almeno il 15% della produzione della D.O.C. oggetto di controllo. In particolare il campione verrà sottoposto a:

  • Viticoltori:
    • verifica annuale per accertare la persistenza delle condizioni per la rivendicazione per la Denominazione di Origine;
    • accertamento ante vendemmia della resa di uva per ettaro (su un campione del 10% del 15% estratto);

 

  • Vinificatori:
    • verifica della corrispondenza quantitativa del prodotto detenuto in riscontro ai documenti e registri di cantina;
    • verifica circa la conformità delle operazioni tecnologiche a quanto disposto dal disciplinare;
    • prelievo di campioni di vino atto, per la verifica del titolo alcolometrico minimo, previsto per la detenzione in cantina del prodotto nella fase di elaborazione;
    • prelievo di campioni sul prodotto già certificato per i relativi esami chimico-fisici ed organolettici, svolti dalle Commissioni operanti presso la Camera di Commercio di Oristano;
  • Imbottigliatori:
    • prelievi a campione da effettuarsi sul vino a D.O.C. imbottigliato per verificare la rispondenza del prodotto confezionato, destinato al consumo, con la certificazione di idoneità rilasciata dalla Camera di Commercio e/o con la certificazione relativa alle partite assemblate come da DM 28/12/06 (art. 6). I relativi esami organolettici saranno svolti sempre dalle Commissioni operanti presso la Camera di Commercio di Oristano;
    • verifica del corretto uso della denominazione, compresa la verifica dei contenitori utilizzati per l’imbottigliamento, chiusure, etichette, ecc..

Ti è stata utile questa pagina?





Ultima modifica della pagina avvenuta il 25 agosto 2015

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Oristano
Via Carducci, 23/25 - 09170 Oristano
tel. +39 0783 21431 - fax +39 0783 73764
C.F 80030090957 - P.Iva 01083280956
segreteria.generale@or.camcom.it - cciaa@pec.or.camcom.it
IBAN IT32 N083 6217 4000 0000 0033 000 - BIC ICRAITRRA20
C/C postale 19228097

Vai su