Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura OristanoCamera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Oristano

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito




Artigianato

Menu contestuale

Vai su


Contenuti

Isole del gusto a Carnevale: sabato al via la rassegna gastronomica. Molte novità

logo isole del gusto 2014

12 febbraio 2014

Si arricchisce ancora la rassegna gastronomica "Le isole del gusto", promossa anche quest'anno dalla Camera di commercio di Oristano con la collaborazione delle associazioni di categoria e delle associazioni dei consumatori. Questa mattina la presentazione ufficiale, nella sala conferenze camerale.

Da sabato prossimo 15 febbraio e sino a domenica 23 marzo saranno 31 gli esercizi della provincia di Oristano che proporranno i loro esclusivi menù: 9 agriturismo e 22 ristoranti. Riprendendo, infatti, la formula iniziale e seguendo le indicazioni giunte dagli operatori e dai consumatori, la manifestazione vedrà nuovamente insieme queste due tipologie di esercizi, impegnate da subito ne "Le isole del gusto a Carnevale" e, successivamente, nei mesi prossimi, ne "Le isole del gusto a Primavera".

Si comincia, dunque, accompagnando il ricco carnevale oristanese e le sue affascinanti e affermate manifestazioni. Tema della rassegna "Le isole del gusto a Carnevale" saranno i legumi e la vernaccia.

"Sono due produzioni dell'agroalimentare del territorio, perché il nostro impegno era ed è quello di valorizzare l'offerta enogastromica locale e al contempo promuovere i prodotti dei nostri campi, dei nostri stagni e dei nostri mari", ha affermato Pietrino Scanu, presidente della Camera di commercio di Oristano. L'Ente camerale a questo proposito, ha coinvolto le associazioni agricole di categoria, che hanno fornito ai ristoratori un elenco dei produttori di legumi, accreditandoli per le forniture. La cantine, invece, già da anni collaborano con la rassegna e quest'anno faranno altrettanto.

Da segnalare, inoltre, che alcuni esercizi iscritti a "Le isole del gusto a Carnevale" hanno inserito nei loro menù il pecorino romano, e parteciperanno alla sezione Premio Speciale Sartiglia, promossa d'intesa con la Fondazione Sartiglia, impegnata a sua volta, come  ha spiegato il direttore della Fondazione, Francesco Obinu, in una collaborazione col Consorzio del pecorino romano.

I prezzi dei menù proposti nella rassegna della Camera di commercio di Oristano raggiungeranno quest'anno un massimo di 25 euro per gli agriturismo e di 35 euro per i ristoranti, mantenendo i livelli dell'edizione precedente. Saranno compresi in questi costi due calici di vino, mentre saranno previste particolari agevolazioni per i bambini.

Una novità in assoluto è rappresentata, invece, dalla valutazione dei menù, che distingueranno l'offerta dei ristoranti tra la tradizione e l'innovazione.

"Per la prima volta la giuria opererà in totale anonimato", ha spiegato il segretario generale della Camera di commercio di Oristano, Enrico Massidda. "Sarà composta da qualificati esperti di cucina e alimentazione, con apprezzate capacità professionali". Al giudizio della giuria si affiancherà quello dei clienti degli esercizi, che dopo aver gustato i menù in gara potranno votarli compilando la scheda di valutazione finale.

"Per la Camera di commercio di Oristano", ha concluso il presidente dell'Ente, Pietrino Scanu, "la riproposizione de "Le isole del gusto" è un impegno importante e ancora di più se rapportato alla delicata situazione che vede anche la nostra Camera impegnata ad affrontare le conseguenze del taglio delle risorse destinate all'attività istituzionale di promozione".


Gli esercizi che partecipano a “Le isole del gusto a Carnevale”.

Gli agriturismo: Agriturismo Archelao, Oristano; Agriturismo Country Resort Capo Nieddu, Santa Caterina di Pittinuri - Cuglieri; Agriturismo Cuaddus e Tellas, Genoni; Agriturismo Il Giglio, Siamaggiore; Agriturismo Il Lentischio, Sa Rocca Tunda - San Vero Milis; Agriturismo Il Melograno, Arborea; Agriturismo Sa Murta, Sennariolo; Agriturismo S'Erras d'Ala, Siamaggiore; Agriturismo Su Livariu Siamaggiore.

I ristoranti della tradizione: Cantinedda, Ula Tirso; Cibò Qibò, Terralba; Ele Bistrot, Oristano; Trattoria il Biancospino, Bosa; La Rosa dei venti Sennariolo; Mistral 2, Sennariolo; Su Soi, Sennariolo.

I ristoranti dell'innovazione: Aeden, Santa Giusta; Al Gambero Rosso, Bosa; Bentu de mari, Baratili San Pietro; Blao, Oristano; Cuccumeu, Torre Grande - Oristano; Da Giovanni, Torre Grande - Oristano; Gallo Bianco, Arborea; Hostel Rodia Da Marcello, Oristano; Hotel Villa delle Rose, Oristano; I Fenici, Cabras; Il Giardino del cigno, Oristano; Il Vesuvio, Terralba; La Nuova Terrazza, Terralba; Sa Pischedda, Bosa; Sa Tanka, Seneghe.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.leisoledelgusto.it

Scarica il pieghevole

 

Altre notizie | Archivio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Oristano
Via Carducci, 23/25 - 09170 Oristano
tel. +39 0783 21431 - fax +39 0783 73764
C.F 80030090957 - P.Iva 01083280956
segreteria.generale@or.camcom.it - cciaa@pec.or.camcom.it
IBAN IT32 N083 6217 4000 0000 0033 000 - BIC ICRAITRRA20
C/C postale 19228097

Vai su